Esami termografici: così diagnostichiamo lo stato di salute degli edifici

Esami termografici: così diagnostichiamo lo stato di salute degli edifici

20 Marzo 2020 Blog 0

Il Gruppo Valagussa si avvale di analisi termografiche per rilevare le dispersioni termiche negli edifici: garantendo interventi mirati e risparmio energetico.

Analisi termografiche in edilizia

Più alta è l’efficienza energetica di una costruzione, maggiore sarà il risparmio. Questa è una semplice regola aurea che vale anche per le nostre abitazioni. La termografia permette di effettuare analisi diagnostiche che individuano le problematiche dell’edificio e le dispersioni termiche 

Il Gruppo Valagussa si avvale di strumenti professionali termografici che consentono sopralluoghi e verifiche diagnostiche sugli edifici esistenti valutando, per esempio, la coibentazione di un immobile. Ciò ci consente di individuare tempestivamente le problematiche e, laddove si renda necessario, intervenire in maniera mirata. 

Come funziona

La termografia edile è una soluzione pratica e non invasiva, effettuata attraverso la termocamera. Questo oggetto va a “scattare” l’immagine termica dell’edificio attraverso una foto a infrarossi che riesce a evidenziare eventuali dispersioni energetiche. La nostra strumentazione ci consente di localizzare carenze nell’isolamento e infiltrazioni d’acqua, flussi di aria calda e fredda su porte, finestre, prese e interruttori non sigillati, oltre a rilevazione di punti in pareti e soffitti cui l’isolamento è insufficiente. Ma anche surriscaldamenti elettrici, problemi nel sistema di condizionamento dell’aria, negli impianti idraulici o individuazione delle occlusioni dei tubi.

Fa bene al portafoglio e all’ambiente

Se un edificio vanta un sistema di isolamento di alta qualità, il conto sulla bolletta energetica può scendere di addirittura anche di tre quarti. Parliamo di un risparmio sensibile per l’economia domestica o aziendale. A ciò si aggiunge una sensibile riduzione delle dispersione energetica, per cui l‘ambiente ringrazia. 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *